Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi - Libroza
3641
post-template-default,single,single-post,postid-3641,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi

scrivere racconti

Home > Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi 

Per molto tempo i grandi autori si sono esercitati nell’arte della scrittura producendo racconti e storie brevi, prima di dedicarsi alla stesura più lunga dei romanzi o tra un romanzo e l’altro. Ne sono un esempio, fra i tanti, Ray Bradbury, Mark Twain, Ernest Hemingway e Stephen King; fra gli italiani Italo Calvino, Dino Buzzati, o i classici Verga e Pirandello.

Il racconto breve ha dunque in letteratura una sua storia e un suo preciso valore e che lo distinguono dalle narrazioni più lunghe e che impediscono di considerarlo solo come genere minore o come “riassunto” dei romanzi.

Ascolta questo episodio in Podcast su iTunesSpreaker

Oggi forse i racconti sono meno rinomati di un tempo e hanno un mercato più limitato, ma ti consiglio di non sottovalutarli e, soprattutto se sei alle prime armi con la scrittura, ti suggerisco di prendere in considerazione questo genere letterario come eccezionale palestra per fare pratica nella progettazione narrativa e nell’analisi di trame e personaggi.

Quanto deve essere lungo un racconto

La differenza tra romanzi, novelle e racconti è data dalla loro lunghezza, tuttavia a questo riguardo non ci sono indicazioni ferree e limiti invalicabili.

Ecco una classificazione di massima basata sul numero di parole del testo:

  • meno di 1.000 parole: racconto brevissimo o flash story  
  • da 1.000 a 5.000 parole: racconto breve
  • da 5.000 a 10.000 parole: racconto
  • da 10.000 a 20.000 parole: racconto lungo o novelette
  • da 20.000 a 40.000 parole: novella o romanzo breve
  • oltre le 40.000 parole: romanzo

Ecco invece una classificazione basata sulla lunghezza del testo espressa in cartelle editoriali:

  • fino a 5 cartelle: racconto breve
  • da 6 a 30 cartelle: racconto
  • da 31 a 50 cartelle: racconto lungo
  • da 51 a 150 cartelle: novella o romanzo breve
  • oltre le 150 cartelle: romanzo

Ribadisco che queste distinzioni non sono assolute e in giro per la rete puoi trovare qualcosa di (leggermente) diverso. Inoltre nella storia della letteratura italiana in passato le novelle potevano essere anche molto corte, più corte dei racconti, ma qui il mio intento è di parlare di letteratura contemporanea quindi se vuoi cimentarti nella scrittura di un racconto punta ad un testo di circa 5.000/7.500 parole.


Come strutturare un racconto

Dopo aver stabilito la sua lunghezza, come strutturare un racconto?

Un racconto, per sua natura, è un  testo autoconclusivo. Non esistono dunque racconti “in serie”, trilogie di racconti, sequel o prequel di racconti, come invece accade per i romanzi. Del resto, se un racconto dovesse avere un prequel o un sequel, allora diverrebbe molto probabilmente un romanzo vero e proprio.

La struttura interna di un racconto è organizzata nelle 3 fasi classiche di ogni testo narrativo:

1) introduzione, cioè la parte iniziale in cui vengono presentati i personaggi, l’ambiente in cui si svolge la vicenda e il punto di svolta iniziale che dà avvio alla storia;

2) sviluppo, cioè la parte centrale in cui si svolge l’azione; il protagonista affronta difficoltà o supera problemi e contrasti con gli altri personaggi;

3) conclusione, cioè la parte finale in cui si chiude la storia; il protagonista risolve i problemi, raggiunge il suo scopo, oppure fallisce, a seconda che si voglia dare al racconto un lieto fine oppure no.

Il racconto, infatti, non deve essere per forza a lieto fine né deve necessariamente avere un finale chiuso, cioè un finale in cui tutti i problemi vengono risolti o in cui il bene vince sul male o in cui il male trionfa sul bene.

Anche i racconti possono avere un finale aperto, lasciare la questioni irrisolte, come del resto spesso accade nella vita, e lasciare che sia il lettore a pensare come vorrebbe che le cose andassero a finire. Anzi, proprio questa scelta strutturale può rendere i tuoi racconti molto contemporanei.

Ciò che conta, infatti, non è se e come si conclude la vicenda, ma se e come è cambiato il protagonista durante la vicenda stessa. Un finale efficace non è quello che risponde a tutte le domande dei lettori, ma è quello in cui il protagonista risulta cambiato rispetto all’inizio.

Un finale efficace non è quello che risponde a tutte le domande dei lettori, ma quello in cui il protagonista risulta cambiato rispetto all’inizio.


Differenze tra racconti e romanzi

Anche i racconti possono essere distinti in generi letterari proprio come i romanzi, quindi puoi scrivere racconti di genere o racconti mainstream.

Se opti per i racconti di genere (gialli, thriller, romance, storici, horror, fantascientifici, ecc.) dovrai comunque rispettare le caratteristiche del genere scelto, anche nella dimensione ristretta del racconto.

Rispetto alla struttura di un romanzo, il racconto è più semplice e meno articolato, proprio perché nella brevità del testo non c’è spazio per sviluppare molti personaggi o situazioni.

In genere, quindi, rispetto a un romanzo, un racconto avrà:

· meno personaggi: al protagonista (o al massimo ai due co-protagonisti) si affiancano pochissimi personaggi secondari;

· durata temporale inferiore: le azioni di un racconto in genere si svolgono in un arco di tempo definito e limitato, a volte pochi giorni, a volte perfino poche ore; non c’è spazio per lunghi flashback e in genere se ci sono ampi salti in avanti nel tempo è solo per far vedere come si conclude la vicenda;

· assenza (o minore presenza) di sottotrame: la vicenda è centrata solo sulla trama principale e sullo sviluppo del (o dei  protagonisti); non c’è spazio per le vicende parallele o per le storie dei personaggi secondari; ogni racconto affronta una sola tematica.

Un racconto è un concentrato di narrazione

Anche se si tratta di un testo più semplice e meno articolato, il racconto non è il riassunto di un romanzo.

Un racconto infatti è un testo che comprende tutti gli elementi di una narrazione più lunga, ma condensati.

Proprio per questo, non è sempre facile scrivere racconti o storie brevi.

Alcuni autori, infatti, non riescono ad essere concisi e hanno una necessità quasi fisica di inserire descrizioni e lunghe sequenze riflessive per dare corpo ai loro personaggi.

Il punto forte dei racconti e delle storie brevi, invece, è proprio quello di lasciare all’immaginazione del lettore il compito di completare e arricchire le ambientazioni con dettagli o di intuire i pensieri e i sentimenti dei personaggi dai pochi tratti che l’autore dà.

Se vuoi dunque cimentarti nella stesura di racconti e storie brevi, punta sull’azione e sui dialoghi serrati. Per le tue descrizioni scegli di raccontare solo i dettagli più importanti e focalizzati più sulla sensazione generale che emerge da un luogo o che un personaggio trasmette, piuttosto che sulla sua descrizione minuziosa.

In questo senso, quanto più un racconto è breve, tanto più sarà costituito prevalentemente da sequenze narrative e dialogiche, con minore presenza di sequenze descrittive o riflessive.

I racconti e le storie brevi sono quindi testi densi, in cui tutto ciò che non è strettamente necessario allo sviluppo della trama o all’esposizione del tema principale va tolto.

Per questo i racconti non devono essere intesi come semplici riassunti di un testo più lungo. Non si tratta solo di togliere e semplificare, anzi.

Si tratta di dare la stessa profondità che puoi ottenere in 200 cartelle, scrivendone 20.

Pensa dunque ai racconti come a “concentrati” di narrazione, in cui c’è tutto quello che ci sarebbe in un romanzo, anche se non si vede.

I racconti sono concentrati di narrazione, non riassunti di un romanzo.

Nel racconto, infatti, bisogna controllare bene lo sviluppo della trama, in poco spazio bisogna far progredire la vicenda e sviluppare i personaggi.

Quindi, se da una parte i racconti possono sembrare più facili da scrivere rispetto ai romanzi perché, appunto, più brevi e meno complessi, dall’altra però, per essere efficaci devono avere profondità e spessore.


Treno locale o Freccia Rossa?

È vero dunque che in un racconto si scrive meno, ma in questo meno deve comunque starci il molto di una storia completa.

Per questo, allenarsi a scrivere racconti e storie brevi è un ottimo esercizio anche per chi poi voglia puntare a scritture di respiro più lungo come i romanzi.

Quando frequentavo l’Università (lo so, è passato molto tempo!), tre volte a settimana la mattina presto prendevo il treno e da Pordenone andavo a Venezia. Poi nel pomeriggio risalivo sul treno e facevo il percorso inverso.

Se mi andava bene, a seconda degli orari, riuscivo a prendere un bell’interregionale, uno di quei treni che percorrevano la tratta Venezia-Pordenone in un’ora, fermandosi solo nelle stazioni principali. Se invece mi andava male, non avevo altra scelta che salire su un treno regionale che fermava in tutte le stazioni e ci metteva più di un’ora e mezza per fare lo stesso tragitto.

Su questi treni locali salivano passeggeri che nei treni interregionali non incontravo, proprio perché scendevano nelle stazioni intermedie, e alcune di queste stazioncine erano poco più di una pensilina sbilenca abbandonata nella campagna.

In quegli anni, come tutti gli studenti di allora, usavo molto il treno e su altre tratte ferroviarie mi è capitato perfino di salire su treni locali con fermate a chiamata, cioè stazioni in cui il treno si fermava solo se un passeggero lo richiedeva, come si fa sugli autobus in città.

Ora, forse tu non hai dovuto fare il pendolare in treno, oppure l’hai fatto ma nel frattempo le cose sono cambiate (il che significherebbe che tu sei troppo giovane, o io troppo vecchia, vai a sapere), ma tornando alle nostre questioni di scrittura creativa quello che mi interessa qui oggi è che tu prenda questa mia esperienza come esempio di quello che può succedere quando scrivi un racconto o un romanzo.

Pensa al tuo romanzo come a un treno locale, che si ferma in tutte le stazioni, tutte, ma proprio tutte, perfino quelle immerse nella campagna e quelle a chiamata. Bene, dalla stazione di partenza alla stazione di arrivo il tuo treno procederà a volte più lento, a volte più veloce, attraverserà campi o paesi, tu avrai modo di guardare fuori dal finestrino e osservare il panorama oppure di perderti nei tuoi pensieri (sequenze descrittive e riflessive). Poi, ad ogni fermata intermedia può succedere qualcosa, possono salire o scendere altri passeggeri che parlano e interagiscono con te o tra di loro mentre tu li osservi (sequenze narrative e dialogiche).

La durata del viaggio la decidi tu. Tu stabilisci il numero di fermate, di passeggeri, di eventi.

Se vuoi scrivere un racconto, invece, devi pensare alla tua storia come a un treno veloce, un interregionale, un InterCity, come quelli che esistevano un tempo, o un moderno treno ad alta velocità, come il Freccia Rossa o il pendolino.

Non potrai cogliere tutti i dettagli del paesaggio perché il treno va veloce, ci saranno molti meno passeggeri che salgono e scendono perché ci sono meno fermate intermedie, e quindi ci saranno molte meno interazioni tra personaggi.

Il racconto, dunque, è più breve di un romanzo perché è più veloce, ma deve contenere comunque uno sviluppo della vicenda e una trasformazione del protagonista.

La durata del viaggio è minore, ma il tragitto è lo stesso.

Se un romanzo è un treno locale, un racconto è un treno ad alta velocità: la durata del viaggio è minore, ma il tragitto da compiere è lo stesso.

Spero che questo esempio, anche se semplice, possa aiutarti a capire la differenza tra racconto e romanzo e a comprendere come il racconto sia un genere letterario a sé stante, che ha una sua completezza e una sua complessità interna.

Proprio per questo scrivere racconti può rivelarsi una palestra di scrittura efficace per imparare a gestire in un tempo e in uno spazio ridotto gli elementi principali della narrazione, prima di affrontare la stesura di un testo più lungo come un romanzo.

Che esperienza hai con i racconti? Ti piace leggerne o c’è un racconto in particolare che hai letto e ti è rimasto impresso per la sua capacità di fermare in poche pagine un evento o una situazione?

Hai provato tu stesso a scrivere racconti? Hai ottenuto la densità che volevi oppure hai avuto difficoltà a dare spessore a un testo breve?

Raccontami le tue esperienze qui nei commenti: sono curiosa!

Ora che ho finito, ti chiedo un piccolo favore.
Se questo articolo ti è piaciuto, che ne dici di condividerlo?

Con un semplice click dimostrerai di apprezzare il mio lavoro e mi farai felice! 🙂

Se invece hai qualche domanda o vuoi esprimere il tuo punto di vista, scrivimi nei commenti qui sotto. Non vedo l'ora di leggerti!

Risorse Utili

14 Comments
  • SC 015 - Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi - Libroza
    Posted at 23:55h, 27 febbraio Rispondi

    […] Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi […]

  • SC 016 - Scrivere più velocemente: come aumentare il numero di parole all'ora che riesci a scrivere - Libroza
    Posted at 23:21h, 01 marzo Rispondi

    […] Scrivere più velocemente: 10 passi per aumentare il numero di parole all’ora che riesci a scr… […]

  • Scrivere più velocemente: 10 passi per aumentare il numero di parole all'ora che riesci a scrivere - Libroza
    Posted at 16:52h, 03 marzo Rispondi

    […] Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi […]

  • Scrivere racconti: struttura e caratteristiche ...
    Posted at 19:33h, 05 marzo Rispondi

    […] Per molto tempo i grandi autori si sono esercitati nell’arte della scrittura producendo racconti e storie brevi, prima di dedicarsi alla stesura più lunga dei romanzi o tra un romanzo e l’altro. Ne sono un esempio, fra i tanti, Ray Bradbury, Mark Twain, Ernest Hemingway e Stephen King; fra gli italiani Italo Calvino, Dino Buzzati, o i classici Verga e Pirandello. Il racconto breve ha dunque in letteratura una sua storia e un suo preciso valore e che lo distinguono dalle narrazioni più lunghe e che impediscono di considerarlo solo come genere minore o come “riassunto” dei romanzi.  […]

  • Le 6 tappe della scrittura - Libroza
    Posted at 12:01h, 20 marzo Rispondi

    […] potresti. Lungi da me venire qui a dire che le novelle e i racconti sono meno validi dei romanzi! […]

  • Come scegliere il punto di vista giusto per raccontare una storia - Libroza
    Posted at 08:02h, 10 aprile Rispondi

    […] scrivi un racconto la scelta migliore è sicuramente quella di scegliere un punto di vista unico e usarlo con coerenza […]

  • SC 028 - Come scrivere un manuale formativo - Intervista a Debora Conti - Libroza
    Posted at 07:56h, 15 maggio Rispondi

    […] Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi […]

  • Come scrivere un manuale formativo di successo Intervista a Debora Conti - Libroza
    Posted at 13:11h, 15 maggio Rispondi

    […] Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi […]

  • 5 Motivi per scrivere racconti come strumento di promozione editoriale - Libroza
    Posted at 08:01h, 21 giugno Rispondi

    […] >>> Per approfondire leggi Scrivere racconti: struttura e caratteristiche delle storie brevi  […]

  • Alice Sacco
    Posted at 17:28h, 02 novembre Rispondi

    A me non piace molto scrivere, ma quando lo faccio, i miei racconti tendono a diventare molto lunghi (La storia che sto scrivendo, probabilmente avrà più di 20 capitoli). L’ultima che ho scritto ne aveva 12, e rientrava nel ‘romanzo breve’.
    Io sono allergica ai racconti brevi, ne leggo uno ogni tanto ma non mi coinvolgono. Mi sento una mera spettatrice. I romanzi mi piacciono di più, perché riesco a legarmi di più ai personaggi e a conoscerli meglio, e a fare il tifo per i protagonisti.

    Anche per scrivere preferisco le storie lunghe. Faccio la scaletta con tutti gli elementi chiave, così poi posso pensare solo alla forma e a gestire il tempo. Anche se non mi piace scrivere, mentre lo faccio ci prendo gusto. Perciò se vedo la mia storia diventare un po’ più lunga del previsto, accolgo ciò con piacere. Sto attenta ad eliminare gli elementi inutili ai fini della trama, e questo mi permette di concentrarmi su ciò che è utile e di approfondire, chiedendomi ‘come posso coinvogliare l’attenzione del lettore su tal scena?’.

    Aggiungo che non scrivo per scrivere romanzi, ma per disegnare fumetti. La scrittura è solo un mezzo, disegnare è la cosa che preferisco.

    • Carmen Laterza
      Posted at 00:44h, 03 novembre Rispondi

      Ciao Alice, grazie per essere passata di qua.
      Hai un sito dove di possono vedere i tuoi lavori? Linkalo pure qui, così ti fai un po’ di pubblicità. 😉

      • Alice Sacco
        Posted at 22:40h, 22 novembre Rispondi

        I miei scritti non li pubblico, il mio interesse è pubblicare le mie storie sottoforma di fumetti, perciò se posso lincare qualcosa, si tratta di disegni, non di testo scritto (online di scritto ho solo due fanfictions sui puffi)

  • Erika
    Posted at 14:48h, 08 febbraio Rispondi

    Salve, grazie mille per questo articolo, è molto interessante. Ho una domanda da fare riguardo ai racconti per cui non trovo una risposta qui sopra: vanno divisi in capitoli come un romanzo oppure no? Come logica di narrazione ci sono dei punti in cui il racconto può essere diviso, non so però se la regola del racconto preveda la vera e propria suddivisione fisica in capitoli.

    • Carmen Laterza
      Posted at 02:54h, 17 febbraio Rispondi

      Ciao Erika,
      non esiste una regola in proposito. Trovi racconti suddivisi in capitoli a racconti senza suddivisioni. A volte trovi semplicemente uno spazio bianco più ampio per segnare il passaggio tra due scene.

      Personalmente mi sento di consigliare la suddivisione in capitoli se il racconto è molto lungo, non tanto perché le scene lo richiedano, ma per segnare dei punti di pausa per il lettore, che può così organizzare le proprie tappe di lettura. Della serie: “Arrivo fino alla fine del capitolo, poi spengo la luce e vado a dormire!”

      Spero di esserti stata utile.

Post A Comment

Seguimi su INSTAGRAM