13 idee per gli articoli del tuo Blog - Libroza
2748
post-template-default,single,single-post,postid-2748,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1200,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-11.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

13 idee per gli articoli del tuo Blog

idee per gli articoli del tuo blog

Home > 13 idee per gli articoli del tuo Blog

Abbiamo già visto in un articolo precedente quali sono i motivi principali per cui uno scrittore dovrebbe avere un sito web.

Avere un sito è quindi un passo importante che a mio avviso ogni autore dovrebbe fare, però, come ho già detto più volte, costruire un sito (o, peggio, pagare molti soldi per farselo realizzare) e poi non sapere cosa metterci dentro è assolutamente inutile.

Ascolta questo episodio in Podcast su iTunesSpreaker

Il tuo sito web deve essere infatti la tua “casa” di scrittore, il luogo dove tutto ciò che riguarda te come autore e i tuoi libri trova spazio e risonanza.

Comprare un dominio e realizzare un sito sono quindi i primi – semplici – passi di un percorso ben più complesso, che consiste nell’impostare un piano d’azione dettagliato e a lunga scadenza: non c’è errore peggiore di aprire il tuo sito web e poi lasciarlo vuoto o non aggiornato!

Meglio non avere affatto un sito web piuttosto che averne uno vuoto o non aggiornato!

Il Blog è l’anima di un sito web

Per essere efficace un sito deve dunque avere un blog, cioè una sezione dedicata agli articoli che tu, con costanza e regolarità, scriverai e pubblicherai.

Il Blog è l’anima di un sito web.

Per te che sei uno scrittore, tenere un Blog non dovrebbe essere difficile, perché si tratta pur sempre di scrivere. Inoltre tenere un Blog può essere molto divertente e può darti grandi soddisfazioni perché può aiutarti a (di)mostrare ai lettori tutte le tue competenze.

Se sei uno scrittore di non-fiction, cioè scrivi saggi o manuali, il tuo Blog sarà la naturale estensione degli argomenti trattati nei tuoi libri. In questo caso sarà forse più facile per te trovare argomenti per i tuoi articoli.

Se invece sei uno scrittore di fiction, cioè se scrivi romanzi, racconti o poesie, allora devi scegliere tu l’argomento intorno a cui costruire il Blog.

In ogni caso ti consiglio di stabilire con chiarezza qual è l’argomento che vuoi trattare nel tuo Blog, perché un Blog dall’argomento vago e non definito non suscita interesse. I Blog che parlano di-tutto-un-po’ non funzionano, perché i lettori si sentono confusi e non capiscono per quale argomento o competenza dovrebbero fare riferimento a te.

I Blog che parlano di-tutto-un-po’ confondono le idee ai lettori: stabilisci con chiarezza l’argomento principale del tuo Blog.

13 idee per gli articoli del tuo Blog

La difficoltà maggiore di tenere un Blog è quella di avere sempre nuove idee per scrivere articoli interessanti.

Ecco dunque 13 idee per gli articoli del tuo Blog.

1. Temi attinenti al contenuto dei tuoi libri

L’argomento principale del tuo Blog sarà sicuramente l’argomento intorno a cui ruotano i tuoi libri. Per questo non dovrebbe essere difficile per te scrivere articoli su questo argomento e su tutti i sottotemi che puoi sviluppare.

Ad esempio, se hai scritto un manuale di yoga, potresti scrivere articoli sulle varie diramazioni dello yoga, sulla storia degli yogi più famosi, sulle tecniche di meditazione o sulle differenze tra la pratica in Occidente e in Oriente.

Se invece hai scritto un romanzo sull’amicizia, potresti scrivere articoli sul valore dell’amicizia nelle diverse culture, sui casi più famosi di amicizia nella storia, o sull’importanza dei legami amicali nello sviluppo psicologico della persona.

Insomma, qualunque sia il tuo argomento, vai a fondo e affrontalo in tutti i suoi aspetti, da tutti i lati, in tutte le sue varianti.

2. Le tue ricerche

Un altro tema interessante per gli articoli del tuo Blog possono essere le ricerche che hai effettuato per scrivere i tuoi libri.

Ai lettori piace scoprire come nasce un libro, da quale idea iniziale sei partito e come l’hai sviluppata.

Molto probabilmente per scrivere il tuo libro hai fatto ricerche di tipo storico o geografico, per poter poi descrivere con accuratezza luoghi e atmosfere della vicenda narrata; oppure hai fatto ricerche su ciò che era già stato pubblicato sull’argomento di tuo interesse per capire cosa era stato già detto e come.

Bene, ora che il tuo libro è pubblicato, puoi svelare ai tuoi lettori quali sono stati i retroscena della sua costruzione: come e dove hai trovato le informazioni che ti servivano, se hai avuto difficoltà o se qualcuno ti ha aiutato, quanto tempo ci hai messo e quanto invece pensavi di mettercene, ecc.

Non avere paura di svelare ai lettori i tuoi percorsi e perfino le tue fragilità: ti renderà più umano, quindi più vero.

3. Le tue abitudini di scrittore

Come le ricerche sui contenuti del tuo libro, anche le tue abitudini di scrittore possono diventare un ottimo argomento per gli articoli del tuo Blog.

Racconta come ti sei avvicinato alla scrittura, come si svolge la tua routine quotidiana, se hai delle piccole abitudini, in quale luogo preferisci scrivere, a che ora, se scrivi tutti i giorni oppure no, se segui l’onda dell’ispirazione o ti imponi un ritmo metodico.

E poi: se prepari il lavoro prima di metterti a scrivere, impostando schemi o scalette per delineare la trama e i caratteri dei personaggi, oppure decidi di giorno in giorno come sviluppare la vicenda, se dopo aver scritto correggi subito ogni singolo capitolo o preferisci fare tutta la prima bozza e poi dedicarti all’editing, e, infine, cosa fai per migliorare il tuo stile, quali lezioni hai imparato su te stesso e sulla tua scrittura nel corso degli anni.

Come vedi ci sono tante cose da dire e ti assicuro che ai lettori tutto questo piace, e piace molto.

Hai presente quei documentari sul backstage di un concerto o di uno spettacolo? Non piacciono anche a te? Io li adoro!

Ecco, qui è la stessa cosa: lo scopo è far vedere ai lettori il “dietro le quinte” dei tuoi libri per spiegare davvero chi sei.

4. Interviste

Intervistare qualcun altro è un ottimo modo per riempire di contenuti interessanti il tuo Blog.

Cerca persone che condividano i tuoi stessi interessi, o che siano punti di riferimento nel tuo settore e chiedi loro di concederti un’intervista. Puoi intervistarle dal vivo, al telefono o via Skype, e poi trascrivere i contenuti dell’intervista in un testo da pubblicare nel tuo Blog, oppure puoi mandare all’intervistato le tue domande direttamente via email e poi pubblicare le sue risposte.

Scegli con cura le persone da intervistare e fai delle ricerche su di loro e sulle loro attività per dimostrare di essere preparato e soprattutto per fare domande pertinenti.

Intervistando altri autori o esperti del tuo settore, scoprirai tu stesso cose interessanti e soprattutto darai varietà al tuo Blog ed eviterai la monotonia di articoli tutti uguali, perché i tuoi lettori troveranno sulle tue pagine anche la “voce” di qualcun altro.

5. Recensioni

Un modo molto diffuso ed efficace per riempire di contenuti le pagine del tuo Blog è senz’altro quello di scrivere recensioni.

Puoi recensire libri di altri autori che trattano il tuo stesso argomento, o libri del tuo stesso genere letterario, ma puoi recensire anche prodotti o servizi, purché siano sempre attinenti all’argomento principale del tuo sito.

Una variante delle recensioni sono i confronti, ovvero le recensioni comparate, articoli in cui metti a confronto due o più prodotti/servizi, spieghi pregi e difetti di ciascuno e alla fine dichiari qual è il tuo preferito e perché.

I confronti possono essere fatti anche tra due o più libri che hai letto, soprattutto se si tratta di testi che affrontano lo stesso argomento (penso per esempio ai manuali) e tu vuoi dire quale per te è il completo o il più efficace.

La regola di base per scrivere recensioni efficaci è essere sinceri.

Non serve essere bruschi o offensivi, ma non serve neppure scrivere recensioni pompate solo per lusingare l’autore del libro o il proprietario/venditore del prodotto. Sii sincero e racconta con semplicità cosa ti è piaciuto e cosa no.

Per dimostrare la tua totale trasparenza dichiara apertamente se il libro o prodotto l’hai acquistato tu o se ti è stato dato in omaggio. Non è certo una colpa ricevere libri o prodotti in omaggio per recensirli, ma nascondere questo dettaglio fa nascere sgradevoli sospetti sull’imparzialità dei tuoi giudizi.

La regola di base per scrivere recensioni efficaci è essere sinceri.

6. Resoconti e cronache

Come scrittore molto probabilmente frequenti fiere librarie, presentazioni letterarie, reading, seminari, workshop ed eventi di vario tipo legati al mondo della scrittura in generale o al tuo settore specifico.

Raccontare la tua esperienza in questi eventi è un modo per riempire le pagine del tuo Blog e intrattenere i tuoi lettori con articoli diversi dal solito.

Immagina di essere un inviato speciale e racconta come si è svolta la manifestazione, cosa ti è piaciuto e cosa no, chi c’era, chi ti aspettavi e chi ti ha sorpreso, cosa hai imparato o cosa hai acquistato.

Correda il tutto con una buona dose di foto… e voilà: il tuo articolo è fatto!

7. Casi-studio

I casi-studio sono una tipologia di articolo molto apprezzata dai lettori perché forniscono dati, prove ed evidenze.

I casi-studio sono sicuramente più adatti se scrivi manuali: in questo caso potrai reperire facilmente casi reali da raccontare ai tuoi lettori o tu stesso puoi diventare il soggetto del tuo caso-studio.

Si tratta di fissare un’ipotesi, realizzare un esperimento o un percorso e poi analizzare i dati ottenuti per verificare se l’ipotesi si è realizzata oppure no.

Nell’articolo che ne deriverà devi rendere conto di tutti i passaggi, spiegare come si è svolto lo studio e soprattutto analizzare e commentare i dati ottenuti. Usa quindi grafici e schemi e fornisci numeri precisi. Questo ti permette di inserire elementi visuali nell’articolo e soprattutto di dare sostanza alle tue affermazioni.

In fondo i casi-studio servono a dimostrare con i fatti ciò hai lungamente espresso in linea teorica in tutti gli altri tuoi articoli.

8. Storie personali

C’è poco da fare: siamo tutti curiosi delle vite altrui.

Quando siamo in edicola, un’occhiata alle copertine dei giornali scandalistici la diamo tutti.

Tu che sei uno scrittore approfitta di questa “debolezza” comune e racconta ai tuoi lettori la tua storia.

Con questo non intendo dire che devi annoiare i lettori del tuo Blog con tutti i dettagli della tua infanzia o con le infinite lamentazioni per la fine della tua storia d’amore, ma se c’è una parte della tua storia personale che può far capire meglio la tua personalità di autore, può svelare i retroscena dei tuoi libri e le basi dei tuoi interessi, allora sì: queste cose meritano di essere raccontate.

Come ti ho già detto, ai lettori piace conoscere l’autore che c’è dietro ai libri che leggono, in tutta la sua interezza, come persona e non solo come personaggio, come uomo o donna con la sua vita e la sua complessità.

9. Infografiche

Per variare i contenuti del tuo blog puoi realizzare infografiche originali o commentare infografiche di altri.

Le infografiche sono immagini che spiegano un argomento, mappe concettuali visuali.

Sono molto utili perché riescono a scomporre contenuti complessi in elementi semplici e il fatto che lo facciano attraverso l’uso delle immagini le rende spesso molto condivise sui Social proprio perché di facile fruizione.

Il consiglio che ti do è quello di accompagnare sempre l’infografica con un testo di spiegazione in cui, appunto, a parole, spieghi cosa contiene l’infografica, in che ordine va letta e cosa racconta.

So che la tentazione sarebbe quella di mettere l’infografica lì e lasciare che l’immagine parli da sola, ma ci sono almeno tre buoni motivi per aggiungere all’infografica un testo di accompagnamento: rendere l’articolo completo, anche nel caso in cui l’immagine non si dovesse caricare (problemi del server o di connessione sono all’ordine del giorno per chiunque), fruibile anche per le persone ipovedenti che “leggono” i siti web e i Blog attraverso programmi di riconoscimento testuale, e, soprattutto, indicizzabile dai motori di ricerca che si basano proprio sui contenuti testuali per determinare la pertinenza del tuo Blog rispetto a una chiave di ricerca.

10. Liste

Le liste sono di certo la tipologia di articoli più sfruttata, ma allo stesso tempo anche la più apprezzata dai lettori.

Anche questo articolo, nel suo piccolo, è una lista perché ti elenca 13 idee per scrivere articoli per il tuo Blog.

Anche tu dunque puoi scrivere liste per i tuoi lettori e scoprirai che è un modo divertente per riempire di contenuti il tuo Blog.

Puoi scrivere liste di link utili, liste di consigli e regole, liste di buoni propositi, liste di fonti gratuite da consultare. Tutto può essere organizzato in liste.

Puoi crearle apposta quando decidi di scrivere un articolo simile, ma il modo più semplice è quello di raccogliere le informazioni a mano a mano che le trovi, copiare i link interessanti durante i tuoi vagabondaggi per la rete, catalogare fonti e dati per argomento e conservare tutto in qualche cartella del tuo computer.

Quando deciderai di scrivere un articolo-lista ti basterà aprire il tuo “archivio” e troverai il materiale già pronto.

11. Istruzioni (how-to)

Dopo le liste, gli articoli che danno istruzioni, in inglese detti how-to, sono i più cercati dai lettori. Si tratta di articoli in cui si spiega passo passo come fare qualcosa.

Sono quindi testi regolativi e come tali devono essere scritti con un linguaggio semplice e diretto.

Lo scopo è quello di spiegare ai lettori qualcosa che loro non sanno o non sanno fare.

Se vuoi scrivere un articolo how-to devi quindi essere sicuro di conoscere nel dettaglio l’argomento che ti accingi a spiegare e di saperlo esporre con chiarezza.

Evita poi di essere volutamente misterioso in qualche passaggio. Alcuni blogger, infatti, pensano di dover creare mistero intorno a qualche fase delle istruzioni che scrivono per sembrare più competenti ed esperti, come fossero grandi chef che non rivelano a nessuno l’ingrediente segreto della loro ricetta.

Be’, mi dispiace deluderti, ma non è questo il caso. Se vuoi spiegare qualcosa ai tuoi lettori, spiegalo davvero, altrimenti resta pure sul tuo piedistallo, tanto i lettori troveranno altrove ciò che cercano. 😉

12. Procedure (check-list)

Simili alle istruzioni, anche le liste di procedure, in inglese check-list, sono un modo interessante per creare articoli per il tuo Blog.

In questo caso, a differenza degli articoli how-to, non si tratta di spiegare come si fa una cosa passaggio per passaggio, perché si suppone che il lettore sappia già come si fa quella determinata operazione, ma piuttosto di elencare tutti i controlli e le verifiche da effettuare durante un’operazione per essere sicuri di non aver saltato nemmeno un passaggio.

L’attenzione non è quindi sulle istruzioni in sé, bensì sul giusto ordine in cui fare le cose.

Spesso infatti, alcune operazioni sono propedeutiche ad altre e l’ordine dei fattori non può essere invertito.

Pensa per esempio alla revisione di un testo: la correzione di bozze, per essere efficace, deve essere fatta solo dopo aver completato l’editing, altrimenti potresti avere nuove parti di testo con refusi non corretti.

13. Novità

Infine, usa il tuo Blog per dare notizia di tutte le novità che ti riguardano come autore.

I nuovi libri in uscita, le date delle tue presentazioni letterarie, o anche solo la tua presenza su nuovi canali Social: tutto ciò che vuoi far sapere ai tuoi lettori deve trovare spazio nel tuo Blog .

Del resto, come abbiamo detto all’inizio, il tuo Blog è la tua “casa” di autore ed è giusto che tutte le notizie su di te sui tuoi libri siano date da te, proprio nel tuo Blog.

Svela i dettagli, i retroscena, le curiosità di ogni tua nuova avventura.

Pensa dunque al tuo Blog come la tua vetrina, la tua piattaforma di pubbliche relazioni, il posto dove chiunque possa trovare le informazioni su di te di prima mano.

Scrivere articoli di diversa tipologia per il tuo Blog ti aiuterà a non annoiare il tuo pubblico, a non annoiarti tu stesso e quindi ad essere più costante nel lungo periodo.

Ricordati infatti che tenere un Blog è una strategia che funziona sempre per ottenere risultati in termini di visibilità e promozione, ma ci vuole costanza!

P.S.

Ci ho messo molti giorni per raccogliere tutte le informazioni e scrivere questo articolo. Se ti è piaciuto, ti chiedo dunque un piccolo favore.

Scrivimi la tua opinione qui sotto nei commenti o regalami un like.

Con un semplice click dimostrerai di apprezzare il mio lavoro e mi farai felice! 🙂

Risorse Utili